L’ennesimo attacco del comune di pisa alla comunità LGBT+, una mozione contro il DDL ZAN

Abbiamo appreso con sconcerto dell’approvazione da parte del Comune di Pisa, con voto favorevole unanime da parte della maggioranza, di una mozione che esprime contrarietà rispetto alla legge contro l’omo-lesbo-bi-transfobia, il sessismo e l’abilismo (“DDL Zan”) che è stata recentemente approvata dalla Camera dei Deputati e delle Deputate e che presto passerà in esame al Senato della Repubblica.

Fin dal titolo (“contro ogni tipo di discriminazione e per la libera manifestazione del pensiero”), che già suona come il classico “ho tanti amici gay, ma…”, la mozione lascia presagire di essere un concentrato dei più comuni slogan diffusi dai detrattori della legge in questione. Si legge ad esempio che non vi è un “vuoto legislativo quanto alla tutela delle persone da eventuali discriminazioni per motivi di orientamento sessuale o identità di genere”, e che tale dispositivo andrebbe a punire chi “non si riconosce nel pensiero unico sui temi del matrimonio gay, dell’utero in affitto, dell’indottrinamento gender nelle scuole, delle adozioni gay”, usando le parole d’ordine delle associazioni anti-LGBT e il medesimo linguaggio costruito per generare paura (“utero in affitto” e “indottrinamento gender”). Il tutto corredato da inappropriati esempi di procedimenti penali o amministrativi avviati in Stati diversi dal nostro.

Sarebbe bastato leggere il testo della legge per scoprire che l’articolo 3 riporta la dicitura “non costituiscono istigazione alla discriminazione la libera espressione delle idee o la manifestazione di convincimenti o di opinioni riconducibili al pluralismo delle idee, nonché le condotte legittime riconducibili alla libertà delle scelte, purché non istighino all’odio o alla violenza, ossia non presentino un nesso con atti gravi, concreti ed attuali”, andando quindi a salvaguardare la libera manifestazione del pensiero tanto cara alla maggioranza del Consiglio Comunale, e a tutti e tutte noi.

La Legge Zan, invece, va ad assegnare un’aggravante di pena nel caso di violenza e discriminazioni per motivi di orientamento, identità di genere, genere o disabilità, un’aggravante che a nostro parere è necessaria poiché le categorie tutelate sono categorie fragili, vessate da secoli di esclusione sociale, cancellazione, violenze psicologiche e fisiche. Secondo la mozione presentata, istituire una tale aggravante, che esiste già per i reati basati sull’etnia e sul credo religioso, costituirebbe una “discriminazione a danno di anziani, obesi, disoccupati”. Respingiamo questo tipo di retorica che mette le comunità l’una contro l’altra, come comunità oppressa conosciamo il valore delle alleanze e sappiamo che i diritti non sono limitati quindi saremo in prima linea qualora nuove proposte legislative vogliano allargare le tutele anche ad altre categorie.

Ciò che è più importante è che tale legge andrebbe a stanziare dei fondi per progetti di prevenzione delle discriminazioni, istituendo anche la “giornata nazionale contro l’omo-lesbo-bi-transfobia”, dotando il Paese di un dispositivo per educare alle differenze di genere, orientamento, identità di genere e costruire una società più accogliente e inclusiva. Probabilmente è questo il vero timore di chi non vuole che una tale legge venga approvata: che il pensiero unico del “matrimonio basato sul binomio uomo-donna”, della presunta necessità dei bambini e delle bambine di avere due genitori di due generi diversi, e della scontata corrispondenza tra sesso biologico e identità di genere venga sradicato in favore della pluralità delle idee, dei diritti e delle identità. Lo ribadiamo per l’ennesima volta: concedere tutela e diritti a una parte della società non indebolisce in alcun modo i diritti di tutti e tutte le altre, ma aiuta solo a creare una società più accogliente. La mancanza di educazione e diritti ha conseguenze drastiche nelle nostre vite e l’appena trascorso TDoR (Trans Day of Remembrance) ne è la più concreta e drammatica testimonianza, come riportato dai dati dell’annuale report stilato dal TGEU, che fanno dell’Italia il Paese europeo con maggior numero di vittime trans e di genere non conforme.

Come abbiamo ribadito in piazza il 17 ottobre scorso, siamo a favore dell’approvazione della legge Zan, per quanto sia una legge già risultato di un compromesso, e premiamo affinché il passaggio in Senato avvenga senza ulteriori emendamenti.

Dalla parte dei diritti – Pisa

Sabato 17 ottobre alle 16:30, scenderemo in Piazza XX Settembre a Pisa per chiedere con forza una adeguata legge contro l’omobilesbotransfobia e la misoginia.

In questi giorni il Parlamento è impegnato nella discussione della proposta di legge contro violenza o discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità di genere, iter che riprenderà in aula il 20 ottobre.

Crediamo che in Italia sia più che mai indispensabile una legge che tuteli le persone LGBTQI+ dall’odio fisico, psicologico e verbale attraverso provvedimenti di contrasto penale e azioni positive di finanziamento a progetti di accoglienza e di educazione alle differenze.

ISTRUZIONI PER PARTECIPARE
L’emergenza sanitaria in corso richiede responsabilità e cura reciproca. Per questo motivo chiediamo a tutt* di adottare questi comportamenti responsabili e di contribuire al sicuro svolgimento dell’iniziativa:
⚠️ Il presidio si terrà in forma stanziale e alle persone non conviventi sarà chiesto di rispettare il distanziamento fisico (non sociale!) di almeno 1 metro
⚠️ Indossare sempre la mascherina e se per qualche ragione c’è bisogno di levarla, allontanarsi dalle altre persone
⚠️ Evitare di partecipare in caso di sintomi influenzali o febbre (ci saranno molti altri presidi per stare insieme)

ASSOCIAZIONI E GRUPPI CHE ADERISCONO:

• Pinkriot Arcigay Pisa
• Famiglie Arcobaleno
• AGEDO Toscana
• Toscana Pride
• Comitato provinciale Arci Pisa
• AIED Pisa
• Rete degli Studenti Medi – Pisa
• Pisa Possibile – Comitato “Gli Spettinati”
• Unione degli Universitari – DAS Pisa
• Nuovo Maschile – Uomini liberi dalla violenza
• Casa della Donna di Pisa
• Il Grande Colibrì
• Greenpeace Gruppo Locale Pisa
• Una città in Comune
• Circolo Utopia


Per aderire scrivere una mail a pisa@arcigay.it

#dallapartedeidiritti
#orabasta
#nonunpassoindietro

You can’t sit with us! Fenomeni di esclusione e bullismo a scuola

 

YOU CAN’T SIT WITH US!
Fenomeni di esclusione e bullismo omobitransfobico nelle scuole

h. 20:00
Interventi sul tema a cura di:

Marialuisa Fagiani, sociologa
Junio Aglioti, formatore
Daniele Serra, formatore

Maria Luisa Fagiani è ricercatrice presso l’Universita della Calabria. Si occupa di sociologia urbana, culture giovanili e consumi

Abstract dell’intervento
“Pop culture” cattiva maestra? La dialettica inclusione/esclusione fra stereotipi di genere e rivolte “queer”

La “pop culture”, in particolare nei suoi aspetti più mainstream, è tradizionalmente un contesto narrativo all’interno del quale la dialettica vincente/perdente, così come gli stereotipi di genere ad essa correlati, si è riprodotta in modo quasi rituale.
Tali meccanismi risultano particolarmente evidenti, ad esempio, nella “fabula” degli “school films” americani, a cui “Mean Girls”, fra gli altri, appartiene.
Il presente intervento intende esaminare brevemente non solo le dinamiche socio-narrative tradizionali ma anche le trasformazioni che tali dinamiche hanno subito nel corso del tempo (e i loro potenziali sviluppi futuri), utilizzando, come “frame” interpretativo, alcuni specifici approdi interni alla teoria “queer”. La “queer theory”, infatti, appare in questa sede utile non solo in un’ottica più classica di decostruzione dei binarismi di genere, ma anche ai fini di una rilettura della “pop culture” stessa, nella prospettiva, fra le altre cose, di un radicale rovesciamento valoriale della canonica polarizzazione successo/fallimento all’interno delle dinamiche socio-narrative contemporanee.

h. 21:00
Proiezione del film MEAN GIRLS (Mark Waters, 2004), versione originale con sottotitoli in italiano