Stonewall: aperitivo con Andrea Pini e proiezione

Prima visione del film Stonewall al Cinema Arsenale

Ore 20:00
Aperitivo al Cinema Arsenale
Con Andrea Pini, scrittore (“Quando eravamo froci”, Il Saggiatore) e organizzatore del primo Pride italiano di Pisa nel 1979, parleremo del contesto storico degli anni ’70, le influenze dei moti di Stonewall, gli obiettivi dei primi manifestanti.

Ore 21:00
Proiezione di Stonewall
Presentano il film Daniele Serra (vicepresidente di Pinkriot Arcigay Pisa) e Andrea Pini.

Costo del biglietto:
5€ ridotto studenti
6€ pubblico generale
È necessario essere in possesso della tessera del Cineclub Arsenale, del costo di 5€ e di validità l’anno solare.

Roland-Emmerich_Stonewall-film

Sinossi:
Siamo nel 1969, la comunità omosessuale newyorchese si sta tranquillamente divertendo in un gay bar del Greenwich Village, quando a irrompere con violenza, per una retata, è la polizia locale. Da lì e per i giorni successivi, sarà scontro a scena aperta tra gli appartenenti alle minoranze GLBT e le forze dell’ordine. Oggi l’avvenimento è conosciuto col nome Moti di Stonewall, ed è considerato la nascita del moderno movimento di liberazione gay.

Critiche:
10 anni fa un film poco visto ha raccontato (bene) gli scontri di Stonewall a New York, quando la notte di venerdì 27 giugno 1969 la polizia fece irruzione con violenza nel locale gay Stonewall Inn, trovandosi in seguito a questa azione coinvolta nella inattesa reazione del movimento. E’ per questo motivo che il 28 giugno è stato scelto come data del Gay Pride in tutto il mondo. Oggi a raccontare di nuovo quelle vicende con appassionato fervore è Roland Emmerich col suo Stonewall, di cui è appena uscito il primo trailer. Tra un film commerciale e l’altro il regista tedesco riesce ultimamente a trovare spazio per progetti più personali, come questo, che si presenta come molto interessante. Nel film Danny (Jeremy Irvine) è il personaggio di fantasia utilizzato per raccontare quella storia vera. Cacciato dai genitori che non lo accettano, lascia la sua provinciale cittadina senza un soldo e arriva a New York, dove fa amicizia con un gruppo di ragazzi che lo introducono nello Stonewall Inn. Lì, Danny cattura l’attenzione di Trevor (Jonathan Rhys Meyers) e del padrone del locale, Ed Murphy (Ron Perlman). Quest’ultimo è un tipo losco in combutta con poliziotti corrotti, che sfrutta i ragazzi senza casa ed è anche sospettato della scomparsa di alcuni di loro. Tutto questo fino all’irruzione nel locale con tutto quello che ne consegue.

(Daniela Catelli, comingsoon.it)

 

Gruppo Giovani – Ruoli di genere

Continuiamo con l’approfondimento delle componenti dell’identità sessuale, parlando di ruoli di genere. Cosa sono, e quanto sono legati all’identità di genere e all’orientamento sessuale? Quanto siamo influenzati e quanto ci facciamo condizionare dai ruoli preconfezionati che la società assegna agli uomini e alle donne? Accompagneremo la discussione con un’attività di gruppo.
L’appuntamento è per giovedì 26 dalle 18 alle 20 in via Fermi 7.

Gruppo Giovani – Identità trans*

Questa settimana, vista la vicinanza del TDoR, parleremo di identità trans*: che differenza c’è tra transgender e transessuali? Per definirsi trans* è strettamente necessario adottare un certo ruolo di genere? Che ruolo hanno avuto le persone trans* nei movimenti di liberazione omosessuale? 

Risponderemo a queste domande tramite le testimonianze di diverse persone trans* del MIT, andate in onda sulla rete televisiva Real Time nel programma Storie di un altro genere. 

L’appuntamento è in via Fermi 7 dalle 18 alle 20. 

Gruppo Giovani – LGBTI* e letteratura

Giovedì 5 novembre riprende il Gruppo Giovani. L’argomento che affronteremo saranno le tematiche LGBTI* e la letteratura. Come è stato affrontato in ambito letterario il tema dell’omosessualità, della bisessualità, della transessualità? E come viene affrontato oggi? Ne parliamo, anche insieme a un esperto del settore, giovedì alle 18, in via Fermi 7.

Pinkriot Arcigay Pisa partecipa a “Rovesci e Diritti”

Giovedì 18 Giugno
ore 17.00

Pinkriot Arcigay Pisa parteciperà all’evento Rovesci e diritti

ore 17: VOLANDO SULL’ARCOBALENO – laboratorio di lettura per bambine/i a cura di Genere in Rete- lettura di albi illustrati che mirano alla valorizzazione delle differenze ed a fornire uno sguardo sulla realtà socialmente inclusivo

ore 18: SOCIETA’ INCLUSIVE – i diritti umani della diversità sessuale – incontro volto alla promozione dei diritti LGBT nell’ambito del progetto ” Municipios amigables con su gente- Guatemala” finanziato dalla Regione Toscana

presso

Biblioteca Civica S. Giampaoli – Massa
Piazza Mercurio 22, 54100 Massa

 

Siete tutt* invitat*

 

Rovesci e diritti

Proiezione CloudBurst – 13/07 ore 21, MixArt

 

Nell’ambito delle manifestazioni della Giornata Mondiale dell’Orgoglio LGBT, Arcilesbica Pisa, Pinkriot Arcigay Pisa e Comune di Pisa, presentano la proiezione gratuita del film “CloudBurst” diretto da Thom Fitzgerald, Domenica 13 Luglio ore 21 presso MixArt, via Giovanni Bovio 11.
Vi aspettiamo!

 

pisacittadiritti_2014_bis

Gruppo Giovani – Come non detto

Oggi al Gruppo Giovani vediamo un divertente film sul coming out: Come non Detto, regia di Ivan Silvestrini. A seguire, un dibattito in cui parleremo delle nostre esperienze di coming out e di outing: esiste un momento giusto? E delle persone giuste a cui dirlo?

Preannunciamo che il Gruppo Giovani il 23 Aprile non si riunirà, e che gli incontri riprenderanno regolarmente il 30 Aprile.

Gruppo Giovani – Attualità

Dopo l’ultimo incontro, ricco di temi toccanti e intensi, passiamo a qualcosa di più spensierato, ma non meno stimolante: nel prossimo Gruppo Giovani partiremo commentando le più significative notizie di attualità e analizzeremo l’intensa campagna di videoclip in difesa dei diritti, umani e civili, delle persone LGBTIQ, protagonista in questi giorni dei social network. Siete tutte e tutti invitat* a pensare a ciò che più vi ha colpito nelle ultime settimane, e a condividerle con i/le altri/e partecipanti al Gruppo, insieme alle vostre personali impressioni.

Fuori L’Omofobia e la transfobia da Palazzo Vecchio!

Domenica 19 gennaio 2014 a Palazzo Vecchio si svolgerà un’iniziativa assai bizzarra. Il Comune ospiterà infatti una manifestazione e un convegno di Manif Pour Tous, un’espressione della destra clericale che contesta la legge contro l’omo-transfobia.

«Partendo da un sentimento di amore per ogni persona», Manif Pour Tous vuole potere continuare a discriminare gay, lesbiche, bisessuali, trans ed intersessuali, smerciare odio sociale a basso costo e avvelenare gli animi arrivando a dipingendoci come soggetti pericolosi. Partendo dall’amore, insomma, arrivano direttamente a spacciare paura.
In condizioni ottimali, di piena tutela dei diritti e di eguaglianza tra persone, uno Stato non solo negherebbe le proprie sedi istituzionali per iniziative come questa, ma difenderebbe i propri cittadini dai discorsi di odio e dai fiumi di violenza verbale che si riversano quotidianamente contro lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali.
Invece, mentre noi lavoriamo ogni giorno nelle scuole per prevenire violenza e bullismo, Manif Pour Tous si attrezza per impedirci di prendere parola. Mentre cerchiamo di essere cittadine e cittadini a pieno titolo, con pari diritti, Manif Pour Tous pretende che continuiamo ad essere cittadini a metà. Mentre noi stiamo a contare i nostri morti uccisi dall’odio e dalla violenza, Manif Pour Tous fa bella mostra di sé in un salone rinascimentale.
Inoltre, l’iniziativa di Firenze si affianca a un’iniziativa simile a Roma e segue quelle di Verona, Brescia e Perugia dello scorso autunno. Si inserisce, inoltre, in un percorso quasi intimidatorio che contesta la Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere (2013-2015), approvate dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali). Per di più, gode di numerosi appoggi politici, come dimostra la presenza di rappresentanti del Governo quali il ministro Quagliarello e il sottosegretario Toccafondi.
Chiediamo al Comune di Firenze di astenersi dal concedere una sala di alto valore simbolico come il Salone dei Cinquecento o il Salone dei Ducento.

Per questo, domenica, non staremo a guardare, a lasciare che passi anche questa, nell’indifferenza generale. Vogliamo sapere da che parte sta il Comune di Firenze? Da che parte sta il Sindaco di Firenze e Segretario nazionale del Partito Democratico Matteo Renzi?

Il Movimento LGBTI* della Toscana – fatto di associazioni, gruppi informali e singol* attivist*– non rimarrà in silenzio e promuoverà una contromobilitazione. Riteniamo necessaria una risposta pacifica di quella parte della città che crede realmente nel valore delle differenze e del rispetto della dignità umana.

 

 

ADESIONI:

AGEDO Associazione Genitori, Familiari ed Amici di Omosessuali (Toscana)
Arcigay Arezzo “Chimmera Arcobaleno”
Arcigay Grosseto “Leonardo Da Vinci”
Arcigay Siena “Movimento Pansessuale”
Arcilesbica Firenze
Arcilesbica Pisa
Associazione Consultorio Transgenere (Torre del Lago)
Azione Gay e Lesbica – Firenze
Famiglie Arcobaleno
IREOS Comunità Autogestita Queer – Firenze
Laicità e Diritti
Lei disse Si
Rete Genitori Rainbow
Pinkriot – Arcigay Pisa
Spos* in fuga

Universita’ di Pisa. Al via il doppio libretto per studenti transgender

logo_pinkriotSoddisfazione delle associazioni studentesche e del mondo LGBTIQ.
Sinistra Per, Pinkriot – Arcigay Pisa e ArciLesbica Pisa accolgono con soddisfazione l’avvio dei lavori, da parte del Senato Accademico, nella predisposizione del doppio libretto per studenti transgender e transessuali. Si tratta di un provvedimento fortemente voluto da Sinistra per… e dalle Associazioni LGBTIQ del territorio, rilanciato pochi mesi fa, da una mozione in Consiglio degli Studenti.
La prassi del doppio libretto, già istituita con successo in altri atenei, permette alle persone in transizione di vivere più serenamente il contesto universitario, avendo la possibilità di utilizzare la propria identità di scelta che, ad oggi, previo iter di riattribuzione chirurgica di sesso biologico, non comporta l’aggiornamento dei documenti della persona se non in tempi estremamente lunghi. Questo, nell’ottica di eliminare quelle barriere che, anche nel nostro ateneo, non garantiscono a molte persone un benessere pricofisico completo e, ad oggi, una piena cittadinanza.
Ritenendo questa misura un passo importante per la realizzazione della piena eguaglianza tra persone, anche negli spazi universitari, Sinistra Per…, Pinkriot e ArciLesbica seguiranno attivamente l’iter della sua realizzazione, impegnandosi per la sua concreta realizzazione.

Sinistra Per…
Pinkriot – Arcigay Pisa
ArciLesbica Pisa

Gruppo Giovani

Il Gruppo Giovani è un gruppo socio-ricreativo che riunisce ragazzi e ragazze sotto i 30 anni motivati a discutere, confrontarsi e fare nuove amicizie. Il suo obiettivo è permettere a chi lo desidera di affrontare le varie tematiche LGBTIQ, nel tentativo di superare i pregiudizi e le discriminazioni di cui la comunità è tuttora oggetto e che costringono spesso le persone omosessuali, bisessuali e transgender a nascondere le proprie emozioni e la propria identità dietro una maschera di conformismo.
A partire dal 28 Settembre 2017, il Gruppo Giovani si riunisce ogni Giovedì dalle 18.00 alle 20.00 presso la sede di Arcigay Pisa in Via Fermi, 7.

Bene Sinistra Per. Passo importante per studentesse e studenti trans.

Le associazioni Arcigay e ArciLesbica Pisa salutano positivamente l’impegno della lista studentesca Sinistra Per nel promuovere la piena cittadinanza anche in ambito universitario delle persone LGBTIQ.

È degli scorsi giorni la denuncia di due studenti transgender del rifiuto da parte dell’Università di adeguare i loro documenti all’identità di genere percepita ed espressa. È infatti dolorosamente difficile per una persona transgender mostrare a mensa, in biblioteca o durante gli appelli d’esame documenti che ritraggono un genere diverso dal proprio.

Per questo Sinistra Per ha rilanciato l’adozione da parte dell’Ateneo del doppio libretto, strumento in grado di consentire a studenti in transizione una reale corrispondenza tra identità percepita e dati identificativi sui documenti universitari.

Da anni le associazioni collaborano con i sindacati studenteschi per l’attuazione di politiche antidiscriminatorie delle persone LGBTIQ a livello locale e nazionale in ambito studentesco universitario.

Gli ottimi risultati ottenuti ci indicano che la collaborazione tra differenti realtà e la condivisione delle lotte è la strada giusta per l’acquisizione di diritti ancora non riconosciuti alle persone LGBTIQ. Continueremo pertanto con gli studenti dell’Ateneo questa battaglia per un’Università inclusiva, plurale, in grado di valorizzare ogni tipo di differenza.

Arcigay Pisa
Arcilesbica Pisa

Corso di formazione “Essere come – Gestione delle dinamiche del conformismo e benessere psicosociale nei gruppi LGBT”

Arcigay Pisa, con il patrocinio del Comune di Pisa ed il contributo del Ce.S.Vo.T., organizza il corso di formazione Essere come – Gestione delle dinamiche del conformismo e benessere psicosociale nei gruppi LGBT.

Nei contesti LGBT del nostro territorio sono presenti realtà molto diversificate: comunità in cui gay e lesbiche sono pienamente visibili e ambiti in cui persone omosessuali scelgono l’invisibilità o manifestano il proprio orientamento sessuale in
modo selettivo. È in questi ultimi, che i giovani omosessuali spesso faticano a trovare, in fase di crescita e di sviluppo identitario, modelli positivi in cui riconoscersi, modelli non contemplati dai media, dove spesso, accanto a rappresentazioni contraddittorie dell’omosessualità, si confondono desiderio omosessuale, atipicità di genere e travestitismo. Arcigay Pisa intende sviluppare un corso per formare volontari di associazioni sulle dinamiche del conformismo analizzato
specificatamente nelle comunità LGBT e di diffondere in tutte le associazioni, attraverso l’attivazione e la valorizzazione di reti territoriali, strumenti di comprensione di realtà ancora poco conosciute ma presenti in maniera trasversale nei
contesti sociali e associativi più vari.

Il corso ha come obiettivo quello di formare volontari/e sulle dinamiche del conformismo con focus specifico sulle realtà LGBT veicolando corrette prassi di linguaggio. Ridurre il disagio causato dall’assenza di modelli di riferimento e/o dall’adesione a modelli identitari troppo restrittivi, nell’ottica della diffusione, a livello interassociativo, di strumenti di comprensione di realtà potenzialmente
presenti in maniera trasversale nei contesti più diversificati.
Le metodologie adottate nello svolgimento del progetto saranno esercitazioni, lavori di gruppo e lezioni frontali attraverso le metodologie del case study, didattica attiva, metodo deduttivo e role playing.
Il corso è destinato a volontari/e attivi/e, responsabili e formatori delle associazioni di volontariato operanti sul territorio; si rivolge anche a esperti nella gestione delle dinamiche di gruppo.

Programma del corso:


Domenica 9 settembre 2012

  • Ore 9:00 – 10:00
    Seminario di apertura
  • Ore 10:00 – 12:00 e 14:00-16:00
    Identità e modelli di identificazione
    Analisi delle dinamiche di formazione identitaria, i processi educativi.
    Simona Giannotti, Psicologa psicoterapeuta


Sabato 15 settembre 2012

  • Ore 9:00 – 13:00
    Le forme del disagio.
    Dinamiche di adeguamento e rifiuto del modello.
    Fabio Franciosi, psicologo psicoterapeuta
  • Ore 14:00 – 16:00
    Strumenti per il volontario.
    Riconoscere il disagio.
    Simona Giannotti, psicologa psicoterapeuta


Domenica 16 settembre 2012

  • Ore 10:00 – 12:00
    Strumenti per il volontario.
    Affrontare il disagio.
    Simona Giannotti, psicologa psicoterapeuta
  • Ore 14:00 – 16:00
    Strumenti di interculturalità
    La rete per superare le differenze – Elaborazione.
    Simona Giannotti & Fabio Franciosi, psicologi e psicoterapeuti;


Giovedì 27 settembre 2012

  • Ore 17:00 – 20:00
    Strumenti di interculturalità
    La rete per superare le differenze – Restituzione.
    Simona Giannotti & Fabio Franciosi, psicologi e psicoterapeuti;

Sabato 29 settembre 2012

  • Ore 14:00 – 18:00
    Tipologie di conformismo nelle comunità LGBT
    Elena Tebano, giornalista esperta di cultura LGBT.

Domenica 30 settembre 2012

  • Ore 10:00 – 12:00 e 14:00 – 16:00
    L’importanza del lessico per un uso consapevole e inclusivo del linguaggio nei contesti LGBT
    Elena Tebano, giornalista esperta di cultura LGBT.
  • Ore 17:00 – 18:00
    Seminario di chiusura

Le lezioni avranno luogo presso La Limonaia – Scienza Viva, in vicolo del Ruschi, 4, 56127 Pisa.

Presentazione del libro “OMOFOBIA Strumenti di analisi e di intervento” di Margherita Graglia

Venerdì 8 giugno Arcigay Pisa organizza la presentazione del nuovo libro di Margherita Graglia “OMOFOBIA Strumenti di analisi e di intervento” presso La Limonaia Scienza Viva, Vicolo del Ruschi 4, a Pisa. Per l’occasione il Gruppo Giovani di giovedì 7 si considera spostato alla data e nel luogo di questo evento.

Interviene
• Margherita Graglia
Psicologa psicoterapeuta, autrice del libro

Moderano
• Pietro Amat
Arcigay Pisa
• Carlotta Monti
Presidente Arcilesbica Pisa

IL LIBRO
Il libro presenta un’analisi aggiornata e scientificamente fondata sul fenomeno dell’omofobia sociale. Pur essendo il tema dell’orientamento omosessuale di costante attualità nel dibattito nazionale, mancano, infatti, informazioni accurate che chiariscano le dimensioni coinvolte nel processo di esclusione/inclusione, siano esse di natura individuale, sociale o culturale.
Il volume, oltre a fornire informazioni sull’omonegatività da un punto di vista psicologico, sociologico, antropologico ed educativo, intende anche illustrare gli strumenti, concettuali e operativi, per la progettazione di interventi di sensibilizzazione ai temi dell’identità sessuale, di decostruzione degli stereotipi e di riduzione dei pregiudizi, presentando linee guida e best practices nazionali e internazionali.
Rivolto ai professionisti (formatori, psicologi, psicoterapeuti, sociologi, insegnanti, educatori e operatori sanitari) interessati a comprendere i meccanismi di esclusione sociale e a rendere più efficaci gli strumenti di promozione del benessere individuale e collettivo, il volume propone, al pubblico interessato, alcune riflessioni utili per capire le dimensioni coinvolte nel dibattito contemporaneo sulla cittadinanza delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT).

MARGHERITA GRAGLIA
Margherita Graglia è psicologa-psicoterapeuta, didatta di CIS (Centro Italiano di Sessuologia) e FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica). Collabora con l’Università di Bologna. Progetta e conduce corsi sui temi dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere rivolti a psicologi, operatori sociosanitari ed educatori.

Florence Queer Festival sbarca a Pisa

Il Florence Queer Festival “sbarca” a Pisa per il secondo appuntamento di questa stagione. Giovedì 19 gennaio il Cinema Arsenale ospiterà una serata ricchissima a ingresso gratuito. Ecco il programma.

18.30 pomeriggio di cortometraggi dall’ultima edizione

19.00 TRUKULUTRU E IL SOGNO AZZURRO DELLE PRINCIPESSE di Ilaria Paganelli
“Trukulutru e il sogno azzurro delle principesse” è la favola che ci guida in un excursus sulla realtà lesbica italiana e romana in particolare. La nostra eroina Titiritesa abbandona il regno di Laltroieri alla ricerca dell’amore. Durante il viaggio incontra tante creature fantastiche e reali: dalla femminista separatista Giovanna Olivieri, all’attivista Imma Battaglia, alle politiche Titti De Simone e Paola Concia. Ma oltre all’analisi politica e legislativa, Titiritesa ci fa conoscere anche gli aspetti ludici, ricreativi e danzerecci della capitale. E vissero felici e contente.

dalle 19.45 queer aperò al barsenale

20.30 Florence queer festival sbarca a Pisa
365 giorni di diritti incontro e presentazione con Marilù Chiofalo – assessora Pari Opportunità Comune di Pisa e i rappresentanti delle Associazioni Arcilesbica pisa Arcigay pisa e del Florence Queer Festival sull’attuale stato dell’arte a Pisa e in Italia in merito alla questione diritti LGBTQI.

21.30 Proiezione 365 without 377
documentario di Adele Tulli v.o. inglese con sott. italiano

Tre personaggi, Beena, Pallav e Abheena viaggiano attraverso la città di Bombay per raggiungere le celebrazioni del primo anniversario dello storico verdetto della Corte Suprema di Dehli che il 2 luglio 2009 ha cancellato l’articolo 377 del Codice Penale Indiano che, imposto dagli inglesi nel 1860. L’India celebra dopo decenni di lotta la sua Stonewall.

Cinema Arsenale Vicolo Scaramucci 2, Pisa tel. 050 502640 – arsenale@arsenalecinema.it