Conflitti interculturali: come affrontarli? ripensare al concetto di “integrazione” per decolonizzare la società

Conflitti interculturali: come affrontarli?
ripensare al concetto di “integrazione” per decolonizzare la società

Lunedì 3 dicembre 2018
Polo Piagge

 

I concetti di discriminazione multipla e intersezionalità stanno, tuttora, faticando a permeare la cultura giuridica italiana, eppure, l’identità – al pari dell’esperienza – appare complessa, non mostrandosi sufficiente l’impiego di un fattore discriminatorio per volta, quale “filtro” privilegiato. Affrontare simili tematiche in modo rigido e settoriale rischia, infatti, di ingessare e cristallizzare oltremodo il dibattito in materia di diritti fondamentali. Consapevoli dell’impossibilità di una trattazione esaustiva, si opterà per l’approfondimento della soggettività migrante, attraverso il sostrato giuridico tradizionale maggiormente presente nei paesi di origine (diritto Islamico) e la lente del genere e l’orientamento sessuale, al fine di decostruire gli stereotipi che il termine “oppressione” può, a vari livelli, evocare. Gli spunti portati verranno affrontati e discussi con un formato laboratoriale per una riflessione il più possibile collettiva.

Ore 10.00 – Aula H2 Polo Piagge
PANEL 1: TRADIZIONE E TRASFORMAZIONE

Modera: Alessia Tortolini
Introduzione a linguaggio, concetti e stereotipi sull’ Islam – Islam politico; femminismi islamici e islamisti; categorie di omosessualità nell’islam.

• Francesco Tamburini – università di Pisa
• Barbara Henry – scuola superiore Sant’anna
• Dany Carnassale – università di Padova

ore 15.00
PANEL 2: DIRITTI ED EVOLUZIONE
Il diritto delle altre e degli altri: un diritto all’indifferenza? – Il concetto di integrazione, particolarismo e universalismo, relativisimo e mediterraneismo.

Modera: Giovanna Spanò
• Lorenzo Milazzo – università di Pisa
• Luca Baccelli – università di Camerino
• Francescomaria Tedesco – università di Camerino

informazioni: glaucounipi@gmail.com
segreteria organizzativa: Aglioti Colombini Junio, Maggi Alessandra, Spanò Giovanna

Attività svolta con i contributi per le attività studentesche autogestite dell’Università di Pisa

con il patrocinio del Comitato Unico di Garanzia – Unipi

Conferenza condizione giuridica richiedenti asilo LGBT+

giovedì 20 settembre 2018
dalle ore 15.00 alle ore 19.00
presso l’Università di Pisa – Polo Fibonacci, via Buonarroti, 3
edificio E aula S1

LA CONDIZIONE GIURIDICA DELLE CITTADINE E DEI CITTADINI STRANIERI LGBT+ RICHIEDENTI LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN ITALIA – DIRITTO E DIRITTI NELLA PRASSI AMMINISTRATIVA E NELL’ORIENTAMENTO GIURISPRUDENZIALE

La conferenza si occuperà di indagare, raccogliendo le competenze di tutti gli attori operanti sul nostro territorio, la condizione giuridica delle cittadine e dei cittadini stranieri LGBT+ che richiedono la protezione internazionale in Italia, ricostruendo un quadro giuridico nazionale ed europeo ed approfondendo prassi amministrativa ed orientamento giurisprudenziale.
Lo scopo didattico è l’approfondimento della normativa inerente la tematica trattata e dell’iter procedurale, sia amministrativo che processuale. 
La trattazione della materia riguarda quindi sia il diritto civile che quello amministrativo, con un importante focus sul diritto processuale, in particolare in merito all’assolvimento dell’onere della prova nei processi di impugnazione del diniego di protezione internazionale da parte della commissione territoriale, quando essi vertano sulla prova della condizione di orientamento sessuale o di genere. Anche alla luce della importante giurisprudenza Comunitaria resa in materia. 

Introduce:
Junio Aglioti Colombini
Presidente Glauco – Associazione Universitaria LGBTQI+
Vicepresidente Pinkriot Arcigay Pisa

Interverranno:

“La condizione giuridica delle cittadine e dei cittadini stranieri LGBT in Italia, un quadro introduttivo”
– A cura dell’avvocata Cristina Polimeno del Foro di Pisa;

“L’onere della prova in capo al cittadino straniero richiedente la protezione internazionale per discriminazioni e atti persecutori legati al genere e all’orientamento sessuale: spazi di applicazione dei principi enunciati dalla Corte di Giustizia Europea nell’ordinamento domestico”
– A cura della dottoressa Martina Bianchi del Foro di Pisa, dottoressa di ricerca in scienze giuridiche – curriculum in diritto internazionale e dell’Unione Europea, successivamente ha ricoperto incarichi di docenza presso l’Università di Pisa, tenendo un corso di diritto internazionale e dell’Unione Europea;

“La protezione internazionale verso la minaccia per ragioni di genere”
– A cura del dottor Luca Minniti, magistrato presso il Tribunale di Firenze presso la sezione specializzata immigrazione;

“La trappola dell’etnocentrismo. Riflessioni antropologiche sulla costruzione dei generi e delle sessualità non eteronormative.”
– A cura del dott. Dany Carnassale, antropologo culturale con formazione interdisciplinare, specializzato in migrazioni internazionali e studi di genere, dottore di ricerca in scienze sociali presso l’Università di Padova;

“L’analisi della richiesta di protezione internazionale fondata sull’orientamento sessuale e/o l’identità di genere”
– A cura della dottoressa Sara Laurini, rappresentante UNHCR presso la Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Firenze, sezione di Livorno. 

È richiesto un contributo di 3€ per la partecipazione al convegno . Posti disponibili 110, richiesta iscrizione. L’evento riconosce n° 3 crediti formativi valevoli ai fini della formazione continua per la professione forense
per INFO e ISCRIZIONI: migranti@arcigaypisa.it

 

Locandina Migranti LGBT+