Le Rose di Jürgen alla città del teatro di Cascina

Martedì 3 luglio ore 21:00
la Città del Teatro – Cascina (PI)
Via Toscoromagnola, 656

Arcigay Pisa presenta
la compagnia Con-fusione in

LE ROSE DI JÜRGEN

di Giacomo Fanfani
con Martina Guideri e Rafael Porras Montero
disegno luci Silvia Avigo
costumi Antonio Musa
regia Con-fusione
produzione Con-fusione/Centro Culturale Le Fornaci – Comune di Terranuova Bracciolini
spettacolo vincitore di Emergenze Creative e di You_theater.org

C’è un campo,
È proprio lì, vicino a Berlino.
Si chiama Sachsenhausen: è il campo di sterminio modello dell’intera architettura del Terzo Reich. Ha la forma di un triangolo e sul vertice c’è una torretta.
La sentinella che vi sale può dominare da solo tutto lo spazio del campo.
Gli uomini che vi sono deportati si riconoscono dai colori.
Ciascuno porta cucito sulla casacca un triangolino di un colore diverso, per organizzarsi meglio, per non confondersi:
Rosso comunisti, verde criminali, rosa pervertiti e poi nero, viola, marrone, azzurro: zingari, immigrati, puttane! Centinaia di piccoli triangoli scintillanti che si spegneranno schiacciati dal peso di un denso colore neutro che scorrerà dappertutto.

Come può sopravvivere un mazzo di rose, se neppure il bianco e il nero hanno resistito?

Presentazione del libro “OMOFOBIA Strumenti di analisi e di intervento” di Margherita Graglia

Venerdì 8 giugno Arcigay Pisa organizza la presentazione del nuovo libro di Margherita Graglia “OMOFOBIA Strumenti di analisi e di intervento” presso La Limonaia Scienza Viva, Vicolo del Ruschi 4, a Pisa. Per l’occasione il Gruppo Giovani di giovedì 7 si considera spostato alla data e nel luogo di questo evento.

Interviene
• Margherita Graglia
Psicologa psicoterapeuta, autrice del libro

Moderano
• Pietro Amat
Arcigay Pisa
• Carlotta Monti
Presidente Arcilesbica Pisa

IL LIBRO
Il libro presenta un’analisi aggiornata e scientificamente fondata sul fenomeno dell’omofobia sociale. Pur essendo il tema dell’orientamento omosessuale di costante attualità nel dibattito nazionale, mancano, infatti, informazioni accurate che chiariscano le dimensioni coinvolte nel processo di esclusione/inclusione, siano esse di natura individuale, sociale o culturale.
Il volume, oltre a fornire informazioni sull’omonegatività da un punto di vista psicologico, sociologico, antropologico ed educativo, intende anche illustrare gli strumenti, concettuali e operativi, per la progettazione di interventi di sensibilizzazione ai temi dell’identità sessuale, di decostruzione degli stereotipi e di riduzione dei pregiudizi, presentando linee guida e best practices nazionali e internazionali.
Rivolto ai professionisti (formatori, psicologi, psicoterapeuti, sociologi, insegnanti, educatori e operatori sanitari) interessati a comprendere i meccanismi di esclusione sociale e a rendere più efficaci gli strumenti di promozione del benessere individuale e collettivo, il volume propone, al pubblico interessato, alcune riflessioni utili per capire le dimensioni coinvolte nel dibattito contemporaneo sulla cittadinanza delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT).

MARGHERITA GRAGLIA
Margherita Graglia è psicologa-psicoterapeuta, didatta di CIS (Centro Italiano di Sessuologia) e FISS (Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica). Collabora con l’Università di Bologna. Progetta e conduce corsi sui temi dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere rivolti a psicologi, operatori sociosanitari ed educatori.

Florence Queer Festival sbarca a Pisa

Il Florence Queer Festival “sbarca” a Pisa per il secondo appuntamento di questa stagione. Giovedì 19 gennaio il Cinema Arsenale ospiterà una serata ricchissima a ingresso gratuito. Ecco il programma.

18.30 pomeriggio di cortometraggi dall’ultima edizione

19.00 TRUKULUTRU E IL SOGNO AZZURRO DELLE PRINCIPESSE di Ilaria Paganelli
“Trukulutru e il sogno azzurro delle principesse” è la favola che ci guida in un excursus sulla realtà lesbica italiana e romana in particolare. La nostra eroina Titiritesa abbandona il regno di Laltroieri alla ricerca dell’amore. Durante il viaggio incontra tante creature fantastiche e reali: dalla femminista separatista Giovanna Olivieri, all’attivista Imma Battaglia, alle politiche Titti De Simone e Paola Concia. Ma oltre all’analisi politica e legislativa, Titiritesa ci fa conoscere anche gli aspetti ludici, ricreativi e danzerecci della capitale. E vissero felici e contente.

dalle 19.45 queer aperò al barsenale

20.30 Florence queer festival sbarca a Pisa
365 giorni di diritti incontro e presentazione con Marilù Chiofalo – assessora Pari Opportunità Comune di Pisa e i rappresentanti delle Associazioni Arcilesbica pisa Arcigay pisa e del Florence Queer Festival sull’attuale stato dell’arte a Pisa e in Italia in merito alla questione diritti LGBTQI.

21.30 Proiezione 365 without 377
documentario di Adele Tulli v.o. inglese con sott. italiano

Tre personaggi, Beena, Pallav e Abheena viaggiano attraverso la città di Bombay per raggiungere le celebrazioni del primo anniversario dello storico verdetto della Corte Suprema di Dehli che il 2 luglio 2009 ha cancellato l’articolo 377 del Codice Penale Indiano che, imposto dagli inglesi nel 1860. L’India celebra dopo decenni di lotta la sua Stonewall.

Cinema Arsenale Vicolo Scaramucci 2, Pisa tel. 050 502640 – arsenale@arsenalecinema.it

Nient’altro da vedere. Cinema, omosessualità, differenze etniche

INVITO PRESENTAZIONE E SEMmanuelbilli_frontINARIO

Nient’altro da vedere. Cinema, omosessualità, differenze etniche
venerdì 16 settembre
ore 19

Cinema Arsenale (Vicolo Scaramucci 4, Pisa)
Interverranno Maurizio Ambrosini (Università di Pisa) e Manuel Billi
La presentazione sarà seguita dalla proiezione di Un chant d’amour di Jean Genet e da un cocktail

EVENTO FACEBOOK

seminario-reading intorno a Nient’altro da vedere. Cinema, omosessualità, differenze etniche
sabato 17 settembre
ore 19

Libreria Tra le Righe (Via Corsica 8, Pisa)
In presenza dell’autore

EVENTO FACEBOOK

MANUEL BILLI
NIENT’ALTRO DA VEDERE
Cinema, omosessualità, differenze etniche

«Nient’altro da vedere […] è un libro che tipizza per invitare a non tipizzare, che categorizza per annullare la stigmatizzazione e lo stereotipo, che cataloga per liberare e confondere i ruoli, che struttura per sovvertire, che mostra per ripensare, che descrive per agire e fare agire. Penetriamo allora lo schermo, entriamo e usciamo dal quadro con questo libro in testa e sottobraccio: il nostro sguardo si è spostato e partecipa criticamente alla (narr)azione», Alessandro De Francesco, Prefazione

Il Book Trailer su Youtube

NIENT’ALTRO DA VEDERE. CINEMA, OMOSESSUALITÀ, DIFFERENZE ETNICHE
collana: Scritture della visione [14]
pp.: 335
formato: 14×22
prezzo: € 25,00
ISBN: 978-88467-2951-4

Edizioni ETS
www.edizioniets.com

Facebook: http://www.facebook.com/NIENTALTRODAVEDERE
Twitter: http://twitter.com/#!/NientAltrodav

Presentazione di “Quando eravamo froci”

Un nuovo appuntamento a Pisa, presso la Libreria Feltrinelli, con la presentazione di “Quando eravamo froci” (Il Saggiatore, 2011), il nuovo libro di Andrea Pini con una prefazione di Natalia Aspesi.
Oltre all’autore, interviene Giovanni Dall’Orto (giornalista, scrittore e storico del movimento LGBT), modera Giacomo Guccinelli.
evento su facebook

Pisa 1979-2009: 30 Anni dopo – Il Convegno

Un convegno ospitato dalla Biblioteca Comunale di Pisa sabato 28 novembre approfondirà il contesto storico della manifestazione di Pisa del 1979 e il cammino percorso dalla comunità LGBT italiana a 30 anni di distanza da quella prima “discesa in piazza”. Questo nel dettaglio il programma:

Inizio prima parte ore 11

  • Introduzione e saluto delle autorità
  • Gianni Rossi Barilli, giornalista, storico, direttore rivista PRIDE: “La rivoluzione vista da dietro. La prima fase del movimento gay in Italia”
  • Enrico Salvatori, Teche Rai (proiezione video): “Fuori dal Video. Il movimento Gay sul piccolo schermo (1972-1982)”
  • Nerina Milletti, giornalista, studiosa del movimento lesbico italiano: “Tra sorelle e tra fratelli: la soggettività lesbica nel movimento delle donne e nel movimento omosessuale degli anni Settanta”

Buffet

Inizio seconda parte ore 15

  • Francesco Gnerre, studioso di letteratura italiana, docente studi di genere Università di Roma “Tor Vergata”: “Eccentrici, neoplatonici e altri mascheramenti. La difficile elaborazione di una cultura gay in Italia”
  • Andrea Pini, giornalista, collaboratore rivista PRIDE: presentazione della video testimonianza di alcuni partecipanti alla marcia (Marilina Aschi, Ciro Cascina, Alessandro Chiti, Stefano D’Agnese, Giuseppe Fadda, Paolo Lambertini, Gigi Malaroda, Porpora Marcasciano, Sergio Pellegrini, Andrea Pini, Massimo Russo, Valerie Taccarelli)
  • Vittorio Lingiardi, docente di psicologia Università di Roma “La Sapienza”: “La tendenza invertita: da devianti a cittadini. Percorsi psicologici e sociali delle omosessualità nell’Italia degli ultimi trent’anni”
  • Stefano Rodotà, giurista, docente universitario: “I diritti delle persone omosessuali e la situazione attuale in Italia e in Europa”

In chiusura Performance teatrale di Ciro Cascina

Coordina LaKarl DuPigné

Pisa 1979-2009: 30 Anni dopo – La Mostra

copertina_mostra_pisa79Una mostra ospitata dalla Biblioteca Comunale di Pisa dal 25 al 28 novembre racconterà per immagini fotografiche e con la riproduzione di documenti e articoli giornalistici del tempo le giornate della marcia pisana, inserendole nel più ampio contesto della lotta per i diritti omosessuali nel nostro Paese dai suoi primi passi alla fine degli anni ’60 fino al 1982, anno della “presa del Cassero”.

 

Pisa 1979-2009: 30 Anni dopo

Locandina Pisa 79 . Trentennale Il 24 novembre 1979 le strade di Pisa furono percorse da un festoso corteo di omosessuali e transessuali provenienti da tutta Italia. Quel corteo, che colorò le vie del centro e si concluse con un grande girotondo attorno alla Torre fu la prima marcia nazionale, regolarmente autorizzata, contro la violenza sugli omosessuali, e per i loro diritti, in Italia.
E’ per celebrare il trentennale di quel primo corteo nazionale che Arcigay Pisa e il Comitato Pisa ’79 organizzano una mostra fotografica e di documentario, un convegno, e la serata di festeggiamenti!

L’evento è organizzato dal Comitato Pisa ’79 (composto da Alessandro Chiti – Pisa, Stefano Faralli – Arcigay Pisa, Enrico Giordani – Roma, Francesco Gnerre – Roma, Andrea Pini – Roma, Dario Ruisi – Arcigay – Pisa, Valérie Taccarelli – Movimento Identità Transessuale Bologna, Daniele Zaino – Circolo “Mario Mieli” Roma), nonché da Arcigay Pisa, Circolo Mario Mieli, MIT, con la collaborazione della Biblioteca Comunale di Pisa.
Mostra e convegno hanno ottenuto il patrocinio di Regione Toscana, Provincia di Pisa, Comune di Pisa e CESVOT.
“Pisa 1979-2009” è stato reso possibile dal prezioso sostegno di:
Unicoop Firenze (Sezione Soci Pisa), Colors, UHB, Mamamia, Gay.it, Skyline, AUT, Libreria Tra le righe, Pride, Clubbing, Arcigay.

Get Real

ARCIGAY PRIDE! presenta GET REAL!

L’importanza di essere se stessi

Sabato 27 ottobre 2007,
presso il cineclub Arsenale
Via Scaramucci, 4 – 56125 Pisa (PI)

ore 9.00 Presentazione Pietro Amat Arcigay Pride! Pisa;
ore 9.30 Proiezione del film Get Real – Vite nascoste, (di Simon Shore, 1998) che racconta la vita di un giovane ragazzo in una scuola superiore inglese;
ore 11.30 tavola rotonda con Alessandro Galvani, pedagogista, Mila Banchi, presidentessa di AGeDO Livorno e Valeria Loiacono, psicologa.
Iniziativa promossa da Arcigay Pride! col patrocinio del CeSVoT, della Provincia di Pisa e del Comune di Pisa

get-real